reviews

Not so many words have been spread about this project of mine; whether due to the fact I almost never promoted it or due to the obviousness I always published (when I did it!) its works - apart from Løvstakken - through very limited collectors' editions only.




About "Apocalypnosis"
Source
Media
Country
Author
Language
Nail Records distribution Italy G. Santoro ENG
Crionic MinddistributionUSA?ENG



About "Løvstakken"
Source
Media
Country
Author
Language
Crionic Mind distribution
USA
? ENG
Cold Spring RecordsdistributionUK?ENG
Noise Kontrol DistributionmailorderMex?SPA
FluxEuropawebzineUKRikENG
MNSmailorderUK?ENG
La DefuncionwebzineSpain?SPA
SklepmailorderPoland?POL
The RectixdistributionUSA?ENG
Sonic SeducerwebzineGer?GER
Ver SacrumwebzineItalyHadrianusITA
OrkusmagazineGerA. MaciolGER
Ars RegiadistributionFra?ENG



About "CelebrAction"
Source
Media
Country
Author
Language
Black Magazin on line mag & webzine Ger AnP GER
Ver Sacrum webzine Ita Hadrianus ITA
Ritual magazine Ita R. Massaccesi ITA
Rumore magazine Ita S. Morelli ITA
Chain D.L.K. webzine Ita A.PiranENG
Vox Empirea webzine Ita
Maxymox
ITA


The transcript of new reviews collected have yet to be completed.
Meanwhile give a look at what I've gathered through the official project page: click HERE.




F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "APOCALYPNOSIS" CD (ANAEMIC WAVES FACTORY)

FORMAL LOGIC DECAY 'Apocalypnosis' CDR. High quality CDR release (box, layout,...). Formal Logic Decay is a new Italian noise-project; 'Apocalypnosis' is a harsh wall of noise soundtrack for S/M-fetish imagery. Recommended to the true noise fan! Artisan edition (for collectors) with numbered certificate + 'in theme' graphics/inserts. Limited to 30 numbered copies.

from distribution "Nail Records" (Italy)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "APOCALYPNOSIS" CDR (ANAEMIC WAVES FACTORY)

CDR, of grating noise, sizzled analog & distant orchestration, abrasive but with atmosphere.

from distribution "Crionic Mind" (USA)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

Live Ambient recordings from and reflections on a Norwegian Mountain. Engrossing subtly and atmosphere.

from distribution "Crionic Mind" (USA)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

FORMAL LOGIC DECAY is a ambient project by Luigi M.Mennella , better known for his projects FURVUS and EN VELOUR NOIR. The structure of this album is based on pure ambient live-recordings done on the mountain of Lovstakken, Bergen (Norway) and inspirations based on this sensational atmosphere on the mountains. Some of those live recordings became overworked and improved, processed in the studio later. The result can be described as a wonderful atmospheric ambient album with an feeling of being nearer to the elements of clouds, wind, heaven and the nature of human beings....

from mailorder "Cold Spring Records" (UK)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

FORMAL LOGIC DECAY es el proyecto ambient de Luigi M.Mennella, mejor conocido por sus proyectos FURVUS y EN VELOUR NOIR. La estructura de este álbum esta basada en grabaciones ambiental puro, hechas en vivo en la montaña de Lovstakken, Bergen (Noruega), con inspiraciones obtenidas de esta sensacional atmósfera de las montañas. Algunas de esas grabaciones en vivo se trabajaron y procesaron después en el estudio, para mejorarlas. El resultado puede describirse como un álbum maravilloso de ambient atmosférico, con un sentimiento de estar más cercano a los elementos, de las nubes, el viento, el cielo y la naturaleza de los seres humanos..

from mailorder "Noise Kontrol Distribution" (Mexico)


top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" 2002 CD (DARK VINYL)

Formal Logic Decay is an ambient project by Luigi M Mennella, better known for his projects Furvus and En Velour Noir. Lovstakken is atmospheric industrial-ambient with a neoclassical feel, and the structure of this album is based on live-recordings done on the mountain of Lovstakken, Bergen, in Norway, and on music inspired by this experience. The sounds were recorded with a portable minidisc recorder and a little stereo microphone, equipment no experimental recording artist should ever be without! Some of these live recordings were further processed in the studio. The result really does capture a tremendous sense of atmosphere and space, as one imagines the majestic mountain. (RIK)

from webzine "FluxEuropa" (UK)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

CD. Formal Logic Decay is an ambient project by Luigi M.Mennella, better known for his projects Furvus and En Velours Noir. The structure of this album is based on pure ambientalistic live-recordings done on the mountain of Lovstakken, Bergen (Norway). Some of those live recordings became re-worked and improved, being processed in the studio later. The result can be heard here and can be described as a wonderful atmospheric ambient album.

from mailorder "MNS" (UK)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

Bajo las siglas F.L.D.,o lo que es lo mismo "Formal Logic Decay", encontramos al italiano Luigi M. Mennella, probablemente más conocido por su proyecto "Furbus"  «AARGH!ANOTHER MANGLING...  En esta ocasión nos ofrece un trabajo que nos acerca a los sonidos de la naturaleza nórdica, definiéndolo como un -relato ambiental sonorizado-.
La estructura de este disco, como bien se explica en su interior, esta compuesta por tres partes armonizadas, recogidas en cuatro cortes:
1. una grabación en directo, puramente ambiental, realizada en la montaña Lovstakken, en Bergen (Noruega), en octubre del 2000. Simplemente usando una grabadora minidisc portátil y un pequeño micrófono estéreo.
2. momentos procesados de aquellas grabaciones, grabados en la primavera del año 2001.
3. música inspirada por las sensaciones que Luigi sintió al rememorar esos días, también grabada en el 2001.
El resultado es un paisaje sonoro peculiar, una música que despierta en el oyente sensaciones o impresiones de pureza, libertad, relax, etc. Con la combinación de atmósferas densas y distintas melodías lánguidas extraídas de un teclado, y las grabaciones realizadas en ese paraje noruego, nos adentramos en los sonidos de un bosque cualquiera... el sonido del viento, el de los árboles que se agitan, el agua que corre, la tormenta que se aproxima,...en definitiva sonidos que nos transportan junto a la madre naturaleza.
Para terminar decir que este trabajo se puede recomendar a todos los que gustan de sonidos minimalistas, experimentales o ambientales. (Hekate)

from webzine "La Defuncion" (UK)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

FORMAL LOGIC DECAY jest ambientowym projektem Luigiego M.Mennelli, lepiej znanego ze swoich projektów FURVUS i EN VELOUR NOIR. Album zawiera czysto, klasycznie ambientowe nagrania zrobione w czasie koncertu na górze Lovstakken (Bergen, Norwegia). Inspiracją do nagrań było piękno surowego, górskiego krajobrazu dalekiej Północy. Część tych nagrań koncertowych została przerobiona i poprawiona w studio. Rezultat można określić jako piękny ambientowy album, zbliżający człowieka do obłoków, wiatru i białego śniegu i całego spokoju i majestatu natury.

from distribution "Sklep" (Poland)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

Very intriguing disc from this artist. Field recordings meshed with sparse synth and samples, creating an unsettling mood. See yourself sitting atop some obscure mountain, no one near you for miles in every direction, freezing yet at peace with a slow death. This is a very moody disc, almost in the classical music sense since it is so consistent with every track to keep the theme the same. Very interesting material. 

from distribution "The Rectix" (USA)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL)

Formal Logic Decay ist das Ambientunternehmen des Italieners Luigi Mennella, der bereits mit seinen Projekten Furvus und En Velour Noir für Aufregung in der Szene gesorgt hat. Das Album "Lovstakken" basiert auf Liveaufnahmen, welche Mennella in den Bergen von Lovstakken (Norwegen) gemacht hat. Die Wind- und Naturgeräusche wurden dabei mit atmosphärischer Elektronik und sanftem Chorgesang unterlegt.
Das Ergebnis kann man getrost als ein phantastisches Ambient-Album beschreiben, welches einen auf die hohen Berge Norwegens und in die dunkelgrünen Wälder des Landes entführt. Man hört den Wind rauschen und sieht die Wolken am Himmel vorüber ziehen. Damit ist Formal Logic Decay das ultimative Album für ein berauschendes Kopfkino gelungen und es verwöhnt uns mit 40 Minuten zum Entspannen und Genießen. (Michael)

from webzine "Sonic Seducer" (Germany)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY
LØVSTAKKEN - A SONORIZED ENVIROMENTAL REPORT
Apprezzo la coerenza di Luigi Mennella, ogni suo progetto è motivato da grande coraggio ed animato da ammirevole sensibilità artistica. Loevstakken è opera obscura, introspettiva, a tratti claustrofobica. E' un viaggio iniziatico. E' la ricerca della propria coscienza. E' il Buio. Potremmo definire le quattro tracce cha la compongono dark-ambient. Prendiamo a prestito questo termine per mera comodità. Attenzione: esso è riduttivo. Se fosse "solo" dark-ambient, Loevstakken sarebbe un disco di grande dark-ambient. Ma questi non sono triti e vani esercizi, questa è sinfonia minimale, annichilente, definitiva. Luigi ha composto i brani sondando la propria memoria, mettendo a nudo la propria anima, estrapolando le sensazioni vissute nel corso di un soggiorno dei pressi di Bergen, in Norvegia, sui monti Loevstakken. Con un portatile, registrò allora suoni, rumori. Brandelli che, rielaborati successivamente, fusi con la musica fecondata dalla ricordanza, hanno dato vita a F.ormal L.ogic D.ecay. Pochi finora sono riusciti a rendere la genuinità di una emozione così maestosa e solenne. Plauso incondizionato (Hadrianus)
from webzine "Ver Sacrum" (Italy)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY  "LØVSTAKKEN" CD (DARK VINYL))

...auf LOVSTAKKEN hören wir was passiert wenn sich ein italienischer Ambient-Komponist von der Berglandschaft Norwegens inspirieren lässt... orchestrale Klassikelemente, sakrale Chorgesänge, endlose Ambientflächen, Naturgeräusche und viele organisch anmutende Klänge verbinden sich zu einer Art Collage... warme,harmonische Passagen gehen nahtlos in eher experimentelle Klangstrukturen über... ein meditatives Ambient Album für besinnliche stunden... (Alexander Maciol)

from magazine "Orkus" (Germany)

top


Formal Logic Decay : Lovstakken CD

Ambient project by Luigi M.Mennella , better known for his projects Furvus and En Velour Noir. The structure of this album is based on pure ambientalistic live-recordings done on the mountain of Lovstakken, Bergen (Norway) and inspirations based on this sensational atmosphere on the mountains. Some of those recordings became overworked and improved, processed in the studio later. The result can be described as a wonderful atmospheric ambient album with an feeling of being nearer to the elements of clouds, wind, heaven and the nature of human beings....

from catalogue of "Ars Regia" (France)

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY – CelebrAction (CDR-BOX)

Georg Grosz´ „Sonnenfinsternis“ als Cover? Der Mann hat Geschmack. Luigi M. Mennella ist seit mittlerweile zwei Jahrzehnten musikalisch aktiv, damals noch in den Untiefen des lokalen Tape-Untergrunds. Die vorliegende „CelebrAction“-Box bietet ein Rundgang durch seine Arbeit, retroaktiv unter dem Namen Formal Logic Decay (früher F.L.D.) vereint. Die 3 CDRs umfassende „CelebrAction“ ist mehr Werkschau als „Best Of“, wie Mennella auf den beiliegenden Karten betont. Beklagenswert ist, dass Mennellas Oeuvre nie einen breiteren Hörerkreis erreichen konnte. Talent hat er allemal. Von cheesy-mediterranen Sing-Along-Songs wie „Silent Love“ über Klavierstücke von betörender Schönheit und Simplizität („Lullaby for Morgan“) hinzu Elektronik in bester Cyberpunk-Manier zeigt er sich als musikalischer Tausendsasa mit Sinn für Atmosphäre und Augenmaß für Klangstrukturen und -wirkung. Einflüsse von bzw. Parallelen zu Künstlern wie Yann Tiersen, Jean-Michel Jarre, aber auch Goblin, Lustmord und Graeme Revell sind nicht von der Hand zu weisen. Mennella spricht mehrere Sprachen: die der Brutalität, Sinnlichkeit, Angst, aber auch der technisch-entzweiten Logik, umgesetzt in Klangexperimenten, veritablen Songs und markanten Elektronica-Tracks. Freilich ist nicht alles auf dem gleichen Niveau, einige Stücke wirken skizzenhaft, unfertig. Track-Titel wie „Untitled Soundtrack for a stupid gothic movie“ mit Unterschriften wie „Soundtrack I composed for an fictitious gothic movie set on…what you prefer, I only wanted to be pompously horrific“ stimmen einen in diesem Fall schonungsloser Ehrlichkeit versöhnlich. Moment, schrieb ich nicht etwas von „Box“? Ja. 2 CDRs, eine 3“-CDR und eine Horde von Postkarten, Stickern, Buttons sowie ein Schlüsselanhänger erwarten euch. Anders als die Musik wankt das Beiwerk in seinem ästhetischen Mehrwert etwas. Vielleicht liegt das auch nur an dem Schlüsselanhänger, der eher nach dem Werbeartikel eines drittklassigen Computer-Geschäfts aussieht und dem für das Photoshop-Jahrzehnt durchwachsenen s/w-Plakat. Hier krankt weniger die Idee als die technische Umsetzung. Ungeachtet dessen eine überraschend gute Veröffentlichung, die trotz kleinerer Schwächen sehr zu überzeugen weiß. (AnP)


from magazine (also on line) "Black Magazin" (Germany)

top


F.ormal L.ogic D.ecay: CelebrAction 1990/2011
(Cofanetto - Selenophonia, 2012)

Facciamo l’inventario. Box in plastica contenente: un poster in bianco e nero, due spille, un portachiavi, un segna-libro, due mini stampe, due “unholy cards”, due ciddì più un mini; durata complessiva di due ora circa fra sperimentazioni, omaggi personali ad altri Artisti, ricerca sonora, devastazioni industrial (le quattro tracce unreleased di “Macht geht vor Recht”, durissime), brandelli di colonne sonore. Prima tiratura in edizione limitata di ottanta copie numerate a mano, la mia reca il ventidue. Luigi Maria Mennella (oltre a FLD, suoi i progetti En Velours Noir, cercate “Else”, e Furvus) approccia la sua musica come l’artigiano la sua creazione, e l’imponente opera di catalogazione (e provvidenziale ricupero di lost-tapes deteriorate dal tempo o semplicemente perdute…) concentrata nella presente, estesissima uscita lo dimostra. Il primo disco presenta delle tracce notevoli, come l’interpretazione personalissima del tema del carpenteriano “Halloween”, od i tributi a Luigi Tenco di “Goodbye, Luigi” (commovente, tanto è reale la percezione del dramma incombente, manifestato dall’agghiacciante colpo di pistola nel finale) ed al giapponese Koji Tano (il rumorismo spinto dell’episodio allo stesso intitolato, dalle lacerazioni merzbowiane che s’insinuano sotto-pelle), fino alla riscrittura di “Profondo rosso”, omaggio reso appropriandosi con deferenza della geniale intuizione simonettiana (“Simonetti tribute”); non mancano inoltre le aperture ambientali riconducibili alle tracce di “Loevstakken” (2001, pubblicato sotto Anaemic Waves Factory, altra sigla utilizzata da Mennella per espandere il proprio verbo). Ma ci sono pure scherzi come ”Lullaby for Morgan” (giuoco di piano per i figlioletto dalla marcata connotazione classicheggiante) e “Gilda” (jingle composto per un cliente del suo studio grafico), mentre di diverso spessore è l’impro industrial/jazz di “Machimprovisation”, toccando i due poli della follia, quella debordante ed artificiosa di “Boosted moanings” e quella reale di “Am I understand thaty what” (con gli strilli di una povera malata che, dopo la chiusura dell’ospizio ove era detenuta, in seguito alla c.d. Legge Basaglia del ’78, abitò lo stesso palazzo di Luigi), fino alle rielaborazione dell’altrimenti impercettibile lavorìo delle larve del legno nell’atto del loro instancabile fervore che tutto riduce in polvere. Il secondo riprende l’idea della riverenza (“Wearing out till Oblivion” aggancia le modalità espresse nel “Simonetti tribute” rimodellandole su J.M. Jarre, questa traccia era originariamente contenuta nel cdr “Florilegium Insaniae” del 2000), compilando poi l’apocalissi sonora de “Verso l’equilibrio” (ciò che residua da un master danneggiato, traccia in origine pubblicata su “The suns of Lutetius”), frammenti da “Empternity” (se “Loevstakken” poc’anzi citato era il buio, solenne e maestoso, annichilente nella sua sinfonia minimale, alcune parti di questa ne sottolineano la componente metropolitana), materiali di studio tratti dalle prime registrazioni come FLD e mai utilizzati fino ad oggi, le manipolazioni di “inFormal 96”, la fonte delle quali è specificata nei titoli, fino alla conclusiva “Bloomy girls”, sonorizzazione autorizzata per un video di Takagi Masakatsu, un compendio in cinque minuti di quanto esposto come FLD, En Velours Noir e Furvus. Ma soffermarsi sull’aspetto meramente soniko di CelebrAction circoscriverebbe la portata dell’opera ad un solo ambito, troppo limitato per poter apprezzare la sua ben più ampia portata coinvolgente in toto il suo Autore. Pura ricerca sonora, senza costrizioni o steccati, che abbraccia lo spirito innovativo e free dei sessanta/settanta (con Stratos appena in disparte ed il già citato Cage a far da mentore), senza badare agli auto-imposti (per altri) limiti di genere e di settore. (Hadrianus)


from webzine "Ver Sacrum" (Italy) [19/4/2012]

top


F.ORMAL L.OGIC D.ECAY
"CELEBRACTION"
(Selenophonia)

Per poche orecchie soltanto

Forse non ha senso recensire un box di 3 CD pieno zeppo di gadget e molto bello nella confezione, ma che ha il difetto (o il pregio) di essere limitato a 80 copie (forse non riuscirete mai a mettergli le mani sopra, ma tant'è). FLD è uno dei tre progetti del livornese Luigi Maria Mennella (gli altri sono Furvus e En Velours Noir) e questo mastodonte è una raccolta di brani, frammenti e cose varie che l'autore ha raccolto in molti anni di attività. In un percorso frastagliato, si passa da Dean Martin a Luigi Tenco, dalla musica concreta a voci rubate (come facevano anche i primi Einstürzende), da omaggi a Simonetti a disturbanti drones, da brani malinconici a roba alla Merzbow. Insomma, di tutto e di più. In un viaggio così, si corre veramente il rischio di perdersi, invece si va avanti fino alla fine, perché, malgrado la spezzettatura del tutto, il paesaggio è affascinante. Inquietante, spiazzante, nervoso, ma affascinante. Peccato che siano in pochi a poterlo dire. (Renato Massaccesi)


from magazine "Ritual" (Italy)

top


privé: Stefano Morelli


Con un sigillo decisamente autorevole, l'opera Eclipse of the Sun di George Grosz, Luigi Mennella licenzia, sotto l'egida dei Forma Logic Decay, un box consuntivo di materiale raro e sino ad oggi inedito intitolato CelebrAction 1990-2011 (Selenophonia). Consto di ben tre Cd e arricchito da gadget di varia natura, l'opera è attraversata da esplorazioni concreto dadaiste, ascensioni folk marziali e neo cosmico sinfoniche, episodi ambient espressionisti ideati per sountrack cinematografici (le tre Untitled Track del primo atto), sperimentazioni industriali spesso condotte al confine più esasperato col noise (si veda il tributo a Koji Tano, a latere della Bloomy Girls ispirata da Takagi Masaktsu), oltre al mai nascosto amore per il progressive gobliniano e i vertici autorali donati da Tenco. Da rimarcare è soprattutto l'acida foga destrutturante, raccomandata ai cultori del genere, edificata nei frammenti di Empternity e nel mini Mach Geht Vor Recht. (Stefano Morelli)

from magazine "Rumore" (Italy)

top


F.ormal L.ogic D.ecay: CelebrAction

Artist: F.ormal L.ogic D.ecay
Title: CelebrAction
Format: 3CD (triple CD)
Label: Selenophonia
Rated: ****-

This box is an anthology of the first twenty years of this musical project. Apart for his collectable value, is a 2cd pack plus 1 mini cd and other gadget as poster, the track are divided with a clear criterion. The first cd is for the first experiment and the more accessible track, the second is for the more musically structured track and the third is a noise experiment. So it's not a classic best of anthology but it should be regarded as a collection of unedited tracks and weird experiments of the early period of this artist.
The first cd starts with a bunch of track based upon recognizable records cited with humor and/or honor, "Gilda" with his beats marks the passage from the first almost easy listening tracks to the experimental part of this box set. "Koji Tano Tribute" is noise experiment with the first idea that will properly be developed in the mini-cd. "Woodworms" deals with layered sound of insects.
The second cd is of a completely different construction as is based around the long tracks: "Fragment from a recycled Empternity" is 7 part reconstruction of "Emptermity" release and is an always searching for a balance experiment around dark ambient ("part 1", "part 4", "part 6") and noise ("part 2", "part 3", "part 7"). "Devocalizzi" is instead the personal visions of sound poetry of the author and is, as these are tracks for the first experimente, not completely focused in his direction but quite enjoyable. "inFORMAL" is a series of J. Cage inspired experiment around everyday sounds (220V AC, Telephone ring etc) treated with the sense of play of the most eccentrics page of the american composer.
The mini-cd is greatly noise-oriented and different from the previous cd, unfortunately these are the only survived track of a much longer track as, even if this is truly heavy music, probably also the best constructed of this release.
This release is impressive in the variety of the experimental languages explored even if there's not a true part of this release that someone could speak about a masterpiece. However, for all fans of experimental sounds, this a good introduction for the work of this artist. (Andrea Piran)

from webzine "Chain D.L.K." (Italy) [7/11/2012]

top



absolutely the most 'in deep' review received in my life...

F.ormal L.ogic D.ecay - "CelebrAction" - cd box - by Maxymox 2012-

Asettico sperimentalismo collegato all'attitudine di donare vitalità all'elemento "suono" rappresentano le principali caratteristiche che animano lo spirito compostivo dell'avanguardistico musicista toscano Luigi Maria Mennella, conosciuto ed apprezzato per la poliedricità che l'ha reso inoltre interprete dei side -projects Furvus, questo operativo nello stile denominato Pagan Soundtracks, ed En Velours Noir, orbitante attorno ad un antesignano genere che lo stesso autore descrive con l'appellativo di Spleen Musick. Maggiori cenni biografici appartenenti al protagonista sono disponibili nella recensione di "Apocalypnosis + samplers" pubblicata nelle pagine di Vox Empirea nel 2011, mentre la presente analisi focalizzerà l'attenzione unicamente sulla mega-compilation intitolata "CelebrAction", quarantasei brani licenziati dalla label Selenophonia e scaturiti da ventuno anni dedicati essenzialmente all'alchimia sonica, frammenti di storia ora raccolti in un prestigioso box limitato a sole ottanta copie numerate a mano e contenenti nello specifico: due CD, un mcd 3", un poster, un portachiavi, due pins 1", un segnalibro, due "santini", due ministampe e quattro schede d'archivio. L'artista, doverosamente, tiene a specificare la precisa natura dell'opera la quale non costituisce affatto un "best of" ma bensì una commemorazione dedicata alla lunga attività di "musicista dell'empirico", particolare testimomiato dall'essenza stessa della release costituita sostanzialmente da estrapolazioni multistilistiche tratte da logori nastri, rarità, tributi e tracce parzialmente completate. Notevole anche il simbolismo percepibile nell'artwork del cofanetto, dettaglio evidenziato frontalmente dal coloratissimo "Eclipse Of The Sun", dipinto realizzato nel 1926 dal pittore tedesco George Grosz, e nel retro da un'espressiva foto in bianco e nero intitolata "Professor of the Moscow Conservatory Ilchenko played the violin for the Russian troops stationed on the southern front", immagine scattata nel 1942 dal fotografo russo Anatoly Garanin. Ci si addentra nei meandri del primo disco, costituito da quindici songs, inizialmente attraverso gli opachi sedimenti del motivetto "That's Amore", vecchio hit del 1952 di Harry Warren ora elaborato quale segmento introduttivo per "Silent Love", Apocalyptic-track eretta sulle oscure malinconie canore di Luigi attorniate da rarefatte foschie elettroniche, oltre ad un distante tambureggiare a sostegno di filamenti d'organo ed un ancor più interiore arpeggio chitarristico. "Musique Pour Un Manege (Merry-Go-Round audio loop)" è una breve quanto spensierata melodia di synth dalla percussività leggerissima, mentre l'inquietante "Halloween" destruttura e ricompone il classico tema horror di John Carpenter introducendolo dapprima in un torbido contesto jazzato, ed in seguito in un diverso paradigma scandito controtempo dalla drum-machine intersecata da loops vocali e stranianti flussi di tastiera. "Untitled Soundtrack <1> For Sci-Fi / Detective Movie" è un oscuro episodio di musicalità filmica basato su freddi battiti di drum-programming ed un gassoso background elettronico, sonorità che terminano foscamente con la tromba intonante "Il Silenzio". L'ottima "Lullaby For Morgan" assume le sembianze di una pièce dai toni notturni e cullati da una rilassante dolcezza pianistica, elementi totalmente opposti all'irascibilità vocale diffusa a tratti in "Am I To Understand That What", ambient-song caratterizzata da uno psicotico gergo pronunciato in un'ignota forma dialettale interposto a bui soundscapes. L'estemporaneità di "Machimprovisation" sfoggia pianamente la finezza compositiva che Luigi riversa anche in questa traccia minimalmente indus-jazzy, anteposta alla successiva "Untitled Soundtrack <2> For German 35's Police Movie", vivace colonna sonora di synth e programming concepita dal musicista per essere adattata alla sceneggiatura di un ipotetico movie work ispirato alle lascive perversioni della Geheime Staatspolizei degli anni '30. Una rapida virata sul fronte commercial-spot si rileva in "Gilda", deliziosa traccia loopata da frammenti vocali mescolati a curvature soul, jazzy ed electro, oltrepassate dalla seguente "Koji Tano Tribute", glaciale e tempestosa liturgia power-electronics che omaggia l'omonimo musicista avanguardistico scomparso nel 2005 e conosciuto anche attraverso i suoi noise-acts Magmax / MSBR. "Untitled Soundtrack <3> For A Stupid Gothic Movie" propone a sua volta il concetto sonoro perfettamente integrabile ad un immaginario horror-film con l'impiego di atmosferiche scie tastieristiche, lugubri campane e thrilling-noises regolati da drumming mid-tempo, mentre la follia di "Woodworms" sevizia il suono proiettando acustiche micronizzate, completamente atone, private di ogni possibile armonia: estrema sperimentazione ed elettronica manicomiale risultano essere gli unici componenti di questa traccia assolutamente inverosimile. Le thrilling-movie atmospheres e le relative musiche costituiscono per il nostro interprete un richiamo quasi inevitabile, inclinazione dimostrata anche in questo minaccioso ossequio a Claudio Simonetti intitolato appositamente "Simonetti Tribute", in cui il progetto F.ormal L.ogic D.ecay ne emula il modus operandi tramite ombrose sinfonie d'organo, bass-lines ed interludi che evocano la cinematografia da brivido italiana 70's - 80's. Di natura contrapposta, l'encomio dedicato all'ancora misteriosa fine di Luigi Tenco espone inizialmente uno stralcio della sua 1966 hit song "Un Giorno Dopo L'altro" cantata dalla voce originale del cantante ed unita nel ritaglio finale all'impalpabilità del suono dark-ambient, compreso uno sparo che concede ampio spazio all'immaginazione: tutto ciò in "Goodbye Luigi". Il secondo volume del boxset "CelebrAction", ulteriormente suddiviso in quattro atti, espone ventisette passaggi estratti dai primi sampler del progetto, aperti inizialmente da "Wearing Out Till Oblivion", concepita attraverso un brumoso crescendo di electronic-sounds e battiti minimali tracciati sulla combinazione tastiera-carillon, elementi anticipanti un successivo sviluppo di programming e key in stile Jean-Michel Jarre. "Verso L'Equilibrio" diffonde un evenescente minimalismo dalla configurazione apocalittica mediante grevi toccate di key-piano e vocals filtrati, concedendo l'ingresso della seconda enunciazione del CD che Luigi declama nei sette brevi capitoli di "Fragments From A Recycled Empternity": il primo, "Part 1", coniuga la cupezza dell'obscure-indus-ambient ad echi di musicalità jazzy, così come "Part 2" cauterizza il suono mediante un'eruzione di acustiche distorte, acidificate da una fitta pioggia di electronic-noises e voce remota. "Part 3" recupera nuovamente la tenebrosità del dark-ambient più denso e sotterraneo, mediante un rombo nelle cui crescenti spire echeggiano sinistri ululati. "Part 4" prosegue in un certo qualmodo i medesimi ed oscuri tracciati dark-ambient ascoltati nel precedente esperimento, in aggiunta a pungenti noises ed incorporei riverberi jazz-minded, mentre le echeggiate diffusioni propagate da "Part 5" si amalgamano all'ossessiva circolarità di intereferenze spaziali, fraseggi loopati e rumori elettronici di ignota provenienza. "Part 6" è semplicemente una linea di obscure-sounds e gassosità acustica i quali, raggiungendo "Part 7" ed i suoi manicomiali artifici di voce, approdano al perfetto epilogo di questo atto. La successiva elaborazione composta di otto tracce è intitolata "Devocalizzi", ovvero un'insolito diagramma di modulazioni fonetiche "in bianco" tratte dalle primordiali registrazioni di F.ormal L.ogic D.ecay, emissioni dai conntotati prevalentemente analitici e scevri di qualsiasi melodia: "Variazioni Modulari Vocali" è un'estenzione di voce dalle tonalità variabili, mentre "Aperture Gutturali" trasfigura la stessa in un suono strozzato e cavernoso. "Flautismo Vocale" delinea acutissime frequenze, così come "Ondulazioni Labiali" propaga l'acquosità sonora del soffio a bocca serrata sul pelo di una superficie liquida. "Sequenza Modulare Vocale" è a sua volta un'espirazione monocorde prolungata fino al limite della resistenza, mentre "Palatiale - Chiusura Gutturale" articola una bassa, soffocata vibrazione di corde vocali. Si giunge quindi a "1' 00" Ohm", allungamento di suono senza inflessioni intermedie, concludendo con "Acufeni Diplofonici Aperiodici", un'opaca e sibilante trasmissione di acustiche radio. L'apertura del capitolo "inFORMAL" introduce nove tracce sia digitali che analogiche prodotte attraverso le più disparate sorgenti sonore indicate a fianco ai titoli: ed ecco quindi l'essenziale pulsazione di "Alea 1: C64 - Commodore 64" seguita dalle intermittenti scosse prodotte da "Electromanipulation - 220V AC" e le scattanti, minimali procedure di "Useless 1 - Various Synths". " Alea 2: Paranoia - CRT Tube Signals" diffonde alte frequenze tastieristiche, mentre nient'altro che un prolungato silenzio simboleggia "Almost Nothing - Field Effect Transistor". L'impazzita rielaborazione della classica suoneria telefonica caratterizza "Tele-Fono - Telephone ring", in anticipo sul secondo tema di "Useless 2 - Various Synths" e la sua esangue armonia artificiale, identicamente ad "Alea 3: Childish", suonata da lievi quanto acute toccate di synth-sound. "Gas Modulations" è la fuoriuscita di un getto sonico fosco ed al medesimo tempo stridente che concede l'ingresso alla bellissima "Bloomy Girls", soundtrack di un video realizzato dal musicista-filmmaker giapponese Takagi Masakatsu, lunga suite che ingloba in un unico modulo electro-sinfonico di programming, piano e synths le peculiarità soniche tipiche delle tre differenti identità impersonate da Luigi Maria Mennella, ovvero il neoclassicismo gotico di En Velours Noir, l'ambient-neofolk di Furvus e, naturalmente l'essenziale ricerca acustica esposta da F.ormal Lo.ogic D.ecay. Completa il box-set un mini CD in versione 3" denominato "Macht Geht Vor Recht", includente quattro rare tracce contrassegnate con il prefisso "Trk", sopravvissute provvidenzialmente ad un incendio, in seguito recuperate ed introdotte in questo minuscolo formato. Si tratta di un esperimento indipendente, caratterizzato da un atteggiamento "soldatesco" della materia noise: ne rappresenta la dimostrazione l'impolverata arietta risalente all'epoca conflittuale, stemperata tra la spaziale densità elettronica di "Trk I". Le scansioni calcolate da "Trk II" traggono energia da una rotazione di industrial-sounds tagliente, letale, seguita dalle pneumatiche electro-raffiche appartenenti a "Trk III", deflagranti da lì a breve in un caustico avvicendamento di rumore tecnologicamente guerresco e spietato. Le artefatte melodie dosate in "Trk Iv" rivestono la struttura della traccia infettandola mediante un corrosivo plasma hard-insustrial-noise e fraseggi militareschi. F.ormal L.ogic D.ecay corrisponde all'esplorazione acustica, un razionale, poliedrico e tecnologico sistema di sperimentazione che da oltre due decenni concede all'ascoltatore alternativo la possibilità di interagire direttamente con oceaniche quantità di modulazioni eviscerate, dissezionate ed infine ricomposte in stili multiformi dal genio creativo che alimenta questo incredibile musicista. "CelebrAction", megabox così radicalmente avanguardistico, incorpora tutto l'occorrente per intraprendere un prolungato excursus spinto fino nucleo stesso dell'elemento suono: indipendentemente se già cultori del protagonista dell'opera o meno, e se vi ritenete adeguati all'assimilazione di contenuti estremi, affrettatevi alla ricerca di questa pubblicazione che nomino degna di essere integrata nella più prestigiosa oligarchia experimental-underground italiana di questo ventennio. (Maxymox)


from webzine "Vox Empirea"(Italy)

top